Infuso:

 


Per fare un esempio semplice e alla portata di tutti, il the e' un infuso.
Le erbe officinali, in quantita' desiderata, vengono messe in un recipiente adatto, come una teiera o una tazza, vi si versa sopra l'acqua bollente, si mescola leggermente e si lascia riposare per circa 10 - 15 minuti.
Poi, si filtra il tutto, e il nostro infuso e' pronto per essere consumato.
L'infuso è indicato per parti della pianta tenere, quali fiori e foglie.
Per parti dure come semi (finocchio, anice) o bucce d'arancio, queste andrebbero pestate prima in un mortaio perche' siano maggiormente solubili.
Solitamente si usano 2-3 gr. di droga per 100 ml. d'acqua, per erbe molto attive, e di 3 - 5 gr. per 100 ml. d'acqua, per erbe poco attive.
L'infuso va utilizzato subito, ma in caso di necessita' si puo' conservare o in un luogo fresco, solo per poche ore, o in frigorifero per non più di 24 ore.

 

------

 

Infuso

L'infuso è una preparazione liquida ottenuta versando acqua bollente sulla fonte vegetale da cui si desidera estrarre la componente idrosolubile. Tra tutte le tecniche estrattive, l'infusione rappresenta senza dubbio quella più pratica e comune, grazie alla grande disponibilità dell'acqua e alla semplicità di preparazione.
Questa tecnica estrattiva non va confusa con il decotto, ottenuto facendo bollire in acqua le droghe vegetali di interesse salutistico. Rispetto a quest'ultimo, l'infuso risulta più adatto per estrarre componenti che si degradano o vengono perdute durante l'ebollizione (ad es. gli oli essenziali); d'altra parte, considerati i ridotti tempi di ammollo, la droga dev'essere costituita da tessuti teneri e delicati (fiori e foglie), adeguatamente sminuzzati o ridotti in polvere. Fonti più coriacee come radici, cortecce e semi, risultano invece più adatte alla decozione.
Una volta preparato, l'infuso dev'essere consumato entro breve tempo, specie quando si ottiene a partire da droghe fresche. Un'eventuale conservazione può essere fatta in frigorifero, senza comunque superare le 24 ore.
Come si prepara un infuso
Per preparare un infuso bisogna innanzitutto concentrarsi sulla droga, che dev'essere ridotta in polvere o in piccoli pezzi per facilitare la penetrazione intima del solvente. Sulla fonte vegetale viene quindi versata acqua precedentemente portata all'ebollizione, si procede con una rapida mescolatura e si lascia riposare per un tempo variabile dai 5 ai 20 minuti a seconda della droga. Quando si prepara un infuso è molto importante utilizzare un recipiente ben pulito, costituito da materiale inerte (generalmente vetro o terracotta, non l'allumino) e dotato di un coperchio (per evitare la perdita delle sostanze più volatili). Al termine della macerazione, generalmente protratta fino a quando la bevanda non si è raffreddata, l'infuso viene eventualmente filtrato e prontamente servito.
Il rapporto peso/peso, tra la droga sottoposta ad infusione ed il volume di acqua, varia normalmente da 1:25 ad 1:5 (da 4 a 20 grammi per ogni 100 parti di acqua).
Per la preparazione di un infuso terapeutico è molto importante conoscere la quantità di droga, quella di acqua ed il tempo di infusione specifico. In tal senso possiamo distinguere due diverse tipologie di infusi: quella aromatica - caratterizzata da un tempo di infusione variabile dai 5 ai 10 minuti, utile per apprezzare le proprietà aromatiche della droga - e quella degli infusi terapeutici, in cui i tempi di infusione sono maggiori. Ad ogni modo, causa la diluizione dei princìpi attivi, le difficoltà di dosaggio e la scarsa solubilizzazione di alcune sostanze apolari, l'infuso trova spazio soprattutto in ambito domestico, mentre in quello fitoterapico si preferisce in molti casi utilizzare differenti modalità preparative o ricorrere direttamente ad estratti titolati.

 

------

 

Preparazione di un INFUSO
Questo tipo di preparazione viene utilizzato per tutte le droghe ricche di componenti volatili, di aromi delicati e di principi attivi che si degradano per l'azione dell'acqua e del calore. Generalmente si tratta di fiori, gemme e foglie. Gli infusi si ottengono facendo bollire la quantità di acqua prevista e versandola subito sulla droga sminuzzata, già posta in un recipiente adatto. Si mescola, si copre e si lascia il tutto a contatto agitando di tanto in tanto, per un tempo medio di 10 minuti. Si filtra l'infuso ottenuto attraverso una tela o un colino a maglie strette. Il tempo di contatto influisce sul colore, sul gusto e sell'attività dell'infuso e può essere regolato da ciascuno a seconda dei propri gusti. L'utilizzazione degli infusi deve essere immediata; eccezionalmente si possono conservare in luogo fresco per qualche ora ed in frigorifero per non più di 24 ore

Torna a Varie